• Plautus Festival 2022
  • IL PLAUTUS FESTIVAL

    Direttore Artistico: EDOARDO SIRAVO

    Dal 16 Luglio al 18 Agosto 2022

AGAMENNONE

di Ghiannis Ritsos

Print Friendly, PDF & Email

OFFICINA TEATRALE

presenta

Massimo Venturiello

in

AGAMENNONE

di GHIANNIS RITSOS

con

Carlotta Procino, Carolina Sisto, Carmine Cacciola
Davide Montalbano, Francesco Nuzzi, Giacomo Rasetti

 

Scene Alessandro Chiti
Musiche
Germano Mazzocchetti
Costumi Silvia Polidori
Light designer Giuseppe Filipponio
Direttore di scena Marco Giustini
Fonico Loris Durante
Assistenti alla regia Marta Beggio – Claudia Muzi

 

Regia

Massimo Venturiello

__________________________
Personaggi e interpreti

Agamennone > Massimo Venturiello
Clitennestra > Carlotta Procino
Cassandra > Carolina Sisto
Coro > Carmine Cacciola
Coro > Davide Montalbano
Coro > Francesco Nuzzi
Coro > Giacomo Rasetti
__________________________

 

 

 

 

In scena con Massimo Venturiello un cast di attori selezionato nell’ambito di Officina Pasolini: Carlotta Procino, Carolina Sisto, Carmine Cacciola, Davide Montalbano, Francesco Nuzzi, Giacomo Rasetti, Marta Beggio e Claudia Muzi, quest’ultime due nel ruolo di assistenti alla regia. Dalla sua nascita, avvenuta nel 2015, il Laboratorio creativo di Alta Formazione artistica del teatro, della canzone e del multimediale della Regione Lazio – Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, ha sempre avuto tra i molteplici obiettivi che lo caratterizzano anche quello di consentire un primo concreto accesso “in arte” ai giovani allievi che lo frequentano. Non è un caso quindi se in questo spettacolo, come in altri precedenti, i compagni di viaggio di Massimo Venturiello siano proprio alcuni attori scelti all’interno della Sezione Teatro da lui diretta.

TRAMA
Dopo i dieci anni della guerra di Troia, Agamennone torna a Micene dove trova sua moglie Clitennestra che intanto ha intessuto una relazione con Egisto e maturato un odio profondo nei suoi confronti per aver sacrificato sua figlia Ifigenia, tanto da predisporne l’assassinio.
Partendo da questi fatti mitologici narrati da Eschilo, Ghiannis Ritsos, straordinario drammaturgo e poeta neoellenico del secolo scorso, torturato e perseguitato per le sue idee progressiste e rivoluzionarie, compie un lavoro di modernizzazione e umanizzazione mettendo in evidenza nuove prospettive nelle azioni dei protagonisti, portando alla luce elementi sconosciuti dei loro caratteri e disvelando la loro natura universale che non può prescindere da un discorso di protesta politica. Agamennone, nostro contemporaneo, la cui ben nota arroganza ha ora ceduto il passo a una dolente umanità, riflette sulle conseguenze della guerra, sull’ineluttabilità del destino, sul senso della Storia.

AGAMENNONE: tra Ritsos e Eschilo
Partendo dai fatti già conosciuti, Ritsos modifica l’età, l’aspetto, le motivazioni dei personaggi e mette in evidenza nuove prospettive nelle loro azioni, porta alla luce elementi sconosciuti dei loro caratteri e in sostanza propone un’altra interpretazione del mito.
La visione politica è al centro del lavoro poetico di Ghiannis Ritsos, protagonista assoluto del panorama letterario ellenico del XX secolo; tormentato da vicende che lo vedono incarcerato, torturato e perseguitato per via delle sue idee e della sua fede politica, il poeta usa il mito come lente di ingrandimento per descrivere il mondo che lo circonda. Come Pasolini che trasportava la vita delle borgate nel tempo mitologico.
Nella sua rivisitazione dei personaggi, Ritsos utilizza i protagonisti di poemi come l’Iliade o di tragedie come l’Orestea non solo per mostrarne gli aspetti più umani e più prettamente poetici, ma anche e soprattutto per disvelarne la natura universale che non può prescindere da un discorso di protesta politica. Da questo punto di vista i monologhi (forma suprema di riflessione, che sottintende una solitudine fortemente autobiografica) riflettono sulle conseguenze della guerra, sull’ineluttabilità del destino e sul ruolo dell’individuo al suo interno, sulle passioni umane e sul senso della Storia come flusso che salva e distrugge con la stessa imparzialità.

 

UFFICIO TEATRO

Giampaolo Bernabini
Istruttore Servizi Culturali e Turistici
Largo Alcide De Gasperi, 9 - 47027 Sarsina FC
Tel. 0547 94901 - Fax 0547 95384
cultura@comune.sarsina.fc.it
organizzazione@plautusfestival.it

UFFICIO BIGLIETTERIA

Aperto dai primi giorni del mese di luglio fino al termine del Festival

Alessandra Bagaglia
Via IV Novembre, 13 - 47027 Sarsina FC
Tel./Fax 0547 698102
info@plautusfestival.it